15 Luglio
politiche

PAC, cambiano le regole del greening

Sono entrate in vigore, lo scorso 3 luglio, nuove norme della politica agricola comune (PAC), che vanno a modificare gli obblighi connessi al cosiddetto greening, le misure a favore dell’ambiente introdotte con la riforma 2013 della PAC.

 

Le nuove regole diventeranno vincolanti dal 1° gennaio 2018, ma gli Stati membri hanno la facoltà di applicarle fin da quest’anno.

Le modifiche introdotte mirano a semplificare gli adempimenti da parte degli agricoltori comunitari e a migliorare ulteriormente la tutela dell’ambiente e della biodiversità.

 

Il greening, a fronte del riconoscimento di uno specifico aiuto, richiede il rispetto di tre impegni: la creazione delle aree a interesse ecologico (Ecological Focus Areas, EFA), la diversificazione delle colture, il mantenimento di prati e pascoli permanenti.

 

Tra gli aspetti più significativi della nuova regolamentazione, figurano:

  • una maggiore flessibilità per i Paesi europei in ordine al periodo consentito per la diversificazione delle colture, che può variare a seconda delle condizioni climatiche locali o regionali;
  • l’introduzione per i terreni a riposo utilizzati come EFA di un periodo di assenza di qualsiasi produzione agricola, della durata di almeno sei mesi;
  • la possibilità che le miscele di colture azotofissatrici e altre piante siano qualificate come EFA, a condizione che sia assicurata la predominanza delle colture azotofissatrici nei miscugli;
  • il divieto di utilizzo dei prodotti fitosanitari per le EFA produttive o potenzialmente produttive;
  • il raggruppamento di alcuni elementi caratteristici del paesaggio utilizzabili come EFA, che ora vengono considerati analoghi. Ad esempio, le siepi, le fasce alberate e gli alberi in filari rientrano in un’unica categoria.
  • La deroga alla dimensione minima degli elementi caratteristici del paesaggio utilizzabili per la definizione delle aree a interesse ecologico. Ciò significa che gli elementi la cui dimensione è superiore alla soglia massima stabilita non saranno più esclusi come EFA e potranno essere calcolati sino al limite massimo consentito. Inoltre saranno conteggiate come EFA anche le aree non adiacenti ai seminativi, ma adiacenti ad altre EFA.

 

(© Osservatorio AGR)

 

Cattolica Assicurazioni Soc. Coop.

codice fiscale/partita Iva 00320160237