11 dicembre
mutamenti climatici

Mutamenti climatici: il 2017 è stato l’anno più secco degli ultimi due secoli

Con una diminuzione delle precipitazioni del 31% rispetto alla media del periodo di riferimento (1971-2000), il 2017 è stato per l’Italia l’anno più secco dal 1800 a oggi.

 

È quanto emerge dalle rilevazioni dell’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del CNR, che mostrano come, da dicembre 2016 (primo mese dell’anno meteorologico 2017), si siano susseguiti mesi molto secchi e senza piogge, fatta eccezione per gennaio, settembre e novembre. Tutti gli altri mesi hanno fatto registrare una piovosità con un deficit quasi sempre di oltre il 30% e, in ben sei mesi, di oltre il 50%.

 

Gli effetti della siccità sono particolarmente rilevanti nel settore agricolo, l’unico ad aver registrato, nel terzo trimestre 2017, un calo degli occupati rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

 

La prolungata mancanza di precipitazioni – evidenzia Coldiretti – ha provocato un crollo generale delle produzioni, che va dalle mele all’uva e che ha causato una conseguente riduzione della necessità di manodopera per le campagne di raccolta. Per le mele si stima un calo medio del 23% rispetto all’anno scorso, con punte del 60%; in Trentino Alto Adige la vendemmia è stata tra le più scarse del Dopoguerra, con un taglio produttivo del 26% rispetto al 2016.

 

Per il Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali, Maurizio Martina, «servono con urgenza piani di investimento pubblici e privati per ammodernare la rete di distribuzione e per accelerare l’adozione di innovazioni sul fronte dell’agricoltura e dell’allevamento di precisione che aiutino nel risparmio idrico e nel riutilizzo della risorsa». «È un tema», sottolinea il Ministro, «non solo agricolo, ma di sostenibilità complessiva del nostro modello produttivo».

 

(© Osservatorio AGR)

Cattolica Assicurazioni Soc. Coop.

Codice fiscale/Partita IVA 00320160237 - Partita IVA del Gruppo IVA Cattolica Assicurazioni 04596530230