Sviluppo rurale

Lo sviluppo rurale è strettamente connesso alla politica agricola comune (Pac) e alle misure di sostegno all’occupazione. Le misure e gli strumenti giuridici dello sviluppo rurale tradizionalmente frammentati hanno sempre sofferto di una mancanza di coordinamento. Per riportare coerenza in questa materia l’Agenda 2000 ha avviato la riforma della Pac. Abbandonando l’obiettivo della produttività per concentrarsi appieno sulla qualità e la sicurezza la riforma ha consentito di rafforzare le misure di sviluppo rurale e di riunirle in un quadro regolamentare unico. Lo sviluppo rurale unitamente al sostegno ai mercati agricoli diventa così il secondo pilastro della Pac.
In seguito alla riforma della Pac del 2013, gli Stati membri hanno costituito i rispettivi programmi di sviluppo rurale basandosi su almeno quattro delle sei priorità comuni dell’UE:
• Promuovere il trasferimento di conoscenze e l’innovazione nel settore agricolo e forestale e nelle zone rurali
• Potenziare la redditività e la competitività di tutti i tipi di agricoltura e promuovere tecnologie innovative per le aziende agricole e una gestione sostenibile delle foreste
• Promuovere l’organizzazione della filiera alimentare, il benessere degli animali e la gestione dei rischi nel settore agricolo
• Preservare, ripristinare e valorizzare gli ecosistemi connessi all’agricoltura e alle foreste
• Incoraggiare l’uso efficiente delle risorse e il passaggio a un’economia a basse emissioni di CO2 e resiliente al clima nel settore agroalimentare e forestale
• Promuovere l’integrazione sociale, la riduzione della povertà e lo sviluppo economico nelle zone rurali.

Ogni priorità di sviluppo rurale individua una serie di settori di intervento più dettagliati (“settori prioritari”). Nell’ambito dei rispettivi programmi di sviluppo rurale, gli Stati membri/le regioni fissano obiettivi quantificati in relazione a questi settori prioritari sulla base di un’analisi delle esigenze del territorio interessato dal PSR. Solo in seguito andranno a stabilire le misure che intendono usare per raggiungere tali obiettivi e i relativi finanziamenti.
I finanziamenti provengono in parte dal Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e in parte da risorse nazionali/regionali e a volte private. L’attuazione e l’impatto della politica vengono sottoposti a valutazioni e controlli dettagliati.

Cattolica Assicurazioni Soc. Coop.

codice fiscale/partita Iva 00320160237

Disclaimer IP | Privacy e Cookie policy