21 ottobre
imprese & mercati

Agroalimentare Made in Italy: record delle esportazioni

Crescita record dell’export agroalimentare italiano che, sulla base delle rilevazioni Istat, ha raggiunto quota 24,5 miliardi nei primi otto mesi del 2016, con un aumento di oltre tre punti percentuali rispetto allo scorso anno. Nel solo mese di agosto ha sfiorato i 3 miliardi, il 12% in più rispetto al 2015.

Il dato, seconda una rielaborazione dell’ISMEA (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare), riflette un aumento tendenziale del valore delle vendite all’estero di prodotti agricoli (+6,5% su base annua), e una crescita ancora più forte dell’export dei prodotti alimentari trasformati, che con un aumento del 13,5% registrano la performance migliore negli ultimi due anni.

Nel boom delle esportazioni del Made in Italy, un ruolo importante lo ha avuto lo spumante che, come evidenziano stime Coldiretti, fa segnare un incremento del 21% delle vendite, giunte al massimo storico. L’export agroalimentare, che in valore rappresenta una quota del 9% sul totale dell’export nazionale, continua a mostrarsi come una delle componenti più dinamiche di quest’ultimo, fermo invece ai livelli del 2105.

Per il Ministro dell’Agricoltura Martina l’importante risultato premia il grande lavoro delle imprese italiane, a supporto delle quali il Governo ha varato nel 2015 il Piano per l’internazionalizzazione del Made in Italy. Presentato a Expo Milano, tale iniziativa è stata rifinanziata anche per il 2017,con l’obiettivo di favorire la crescita e conquistare nuovi spazi sui mercati internazionali, contrastando l’italian sounding. All’interno di questa strategia rientra la Settimana della cucina italiana nel mondo, evento che sarà organizzato a novembre con le Ambasciate, i Consolati, gli Istituti italiani di Cultura e noti chef italiani.

 

(© Osservatorio AGR)

Cattolica Assicurazioni Soc. Coop.

codice fiscale/partita Iva 00320160237